Comportamento alimentare

Un'alimentazione sana contribuisce in modo significativo al benessere psico-fisico ed è una preziosa arma di difesa verso malattie croniche come patologie cardio-vascolari, diabete, malattie croniche. 
Il meccanismo dell'alimentazione è regolato da fattori biochimici ma anche e soprattutto da fattori sociali e psicologici. 
Lo psicologo del comportamento alimentare si occupa della prevenzione e delle patologie correlate che richiedono un cambiamento nello stile di vita.
La figura dello psicologo, affiancata da altri professionisti tra cui il nutrizionista, il dietista e il medico, si occupa nello specifico degli aspetti emotivi e motivazionali implicati nel meccanismo dell'alimentazione. 
Un percorso di sostegno psicologico aiuta a riacquisire la motivazione necessaria a portare a termine il programma alimentare. La persona viene supportata nel raggiungimento degli obiettivi modificando le abitudini alimentari scorrette e i pensieri disfunzionali correlati al cibo e al peso. Si lavora sugli aspetti emotivi, comportamentali e motivazionali al fine di restituire alla persona il potere di autoregolarsi. 
Il professionista individua le cause legate ai comportamenti alimentari disfunzionali e lavora insieme al paziente per aiutarlo a gestire tutte quelle emozioni quali rabbia, senso di colpa, inadeguatezza, solitudine, che spesso impediscono di seguire un'alimentazione corretta o che spingono a mangiare anche quando non si avverte il senso di fame. 

comportamento e disturbi alimentari